G20 e crisi economica: le proposte Usa di Obama e la poco concretezza sottolineata da Sarkozy

Al via il G20 di Londra. Francia e Germania poco convinte delle linee del documento.



Il presidente americano, Barack Obama, sbarcato a Londra, ha incontrato il primo ministro britannico Gordon Brown che alla stampa ha detto: “Stiamo lavorando insieme per abbreviare questa recessione.

Si tratta di una crisi senza precedenti: ecco perché serve una soluzione globale". Obama ha detto: “Gli Stati Uniti sono impegnati a fare tutto ciò che è necessario per stimolare la crescita”. Secondo il presidente americano bisognerebbe “bisogna respingere il protezionismo e rafforzare la cooperazione tra Paesi”. Il Presidente Usa ha poi invitato i leader mondiali a sostenere la crescita, a collaborare per un nuovo sistema di regole e a sostenere le economie emergenti.

E ha ammesso: “Il 2009 sarà un anno difficile, soprattutto se si guarda al volto umano della crisi economica efinanziaria mondiale, ma le persone non dovrebbero sacrificare il futuro per paura del presente. I governi devono garantire aiuti immediati alle persone che perdono il lavoro, le loro case, i loro risparmi e le loro pensioni”.

Nel frattempo, Francia e Germania non sono soddisfatte della bozza di documento redatta in vista del G20. Il presidente francese dice: “Non darò il mio assenso a un meeting falso che porti a decisioni inutili e che non affronti veramente i problemi che abbiamo. Non mi assocerò a finti compromessi", ha ribadito il capo dell'Eliseo che ha già minacciato di abbandonare il vertice se non saranno adottate misure concrete.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il