BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fare la spesa e shopping durante orario di lavoro: Brunetta dice basta alle donne "statali"

Brunetta dice basta alle donne che durante l'orario di lavoro fuggono dal ministero per andare a fare la spesa o shopping.



Dopo la lotta ai fannulloni intrapresa per le troppe assenze dal posto di lavoro negli orari in cui i dipendenti statali avrebbero dovuto essere nei loro uffici, il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, torna all’attacco e questa volta nel suo mirino finiscono le donne lavoratrici statali.Brunetta dice basta alle donne che durante l'orario di lavoro fuggono dal ministero per andare a fare la spesa.

Secondo il ministro, infatti: “Il lavoro pubblico deve essere al servizio dei cittadini e non può essere un ammortizzatore sociale di genere. Questo è ciò che le lavoratrici del servizio pubblico hanno spesso fatto in passato.

Io non voglio più che le donne scappino dall'ufficio per fare la spesa, o per andare a fare shopping, per poi tornare a casa all'una e mezza e avere difficoltà a gestire la famiglia e tutto il resto. Vi siete chiesti il perchè della femminilizzazione della scuola e del lavoro ministeriale? E come mai ci siano poche donne ai vertici? I controlli sull'assenteismo per malattia è una lotta di liberazione per le donne. Far finta di essere malate per accudire i figli o i mariti vuol dire buttare via la propria professionalità: bisogna rompere queste compensazioni perverse”.

Non hanno, ovviamente, tardato ad arrivare le reazioni, decisamente forti, alle sue parole. In prima fila il ministro per le pari opportunità Mara Carfagna che ha incitato le donne in platea a ‘non cedere alle provocazioni’ e rivolgendosi al collega Brunetta ha detto: “I  gap esistono, non sono chiacchiere, soprattutto nel mondo del lavoro”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il