BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni Alitalia: rimborso con titoli di stato dati in cambio. Come fare domanda

Gli obbligazionisti Alitalia potranno ottenere un rimborso attraverso i titoli di Stato. Come fare.



“Ai titolari di obbligazioni del prestito ‘Alitalia 7,5% 2002-2010 convertibile’, emesso da Alitalia, viene attribuito il diritto di cedere al ministero dell'economia i propri titoli per un controvalore determinato sulla base del prezzo medio di borsa delle obbligazioni dell'ultimo mese, ridotto del 50%, in cambio di titoli di Stato di nuova emissione, senza cedola, con scadenza 31 dicembre 2012 e con taglio minimo unitario di mille euro”.

E’ questo quanto si legge nel maxi emendamento al decreto incentivi, presentato in Aula alla Camera e su cui il governo chiederà la fiducia. Grazie ad esso, dunque, gli obbligazionisti di Alitalia potranno ottenere un rimborso attraverso i titoli di Stato. Le assegnazioni di titoli non potranno essere superiori a 100mila euro per obbligazionista e avverranno con arrotondamento per difetto al migliaio di euro.

Per quanto riguarda, poi, gli importi inferiori a mille euro sarà assegnato provvisoriamente un titolo di Stato del taglio minimo al conto di deposito. Gli obbligazionisti interessati all'operazione dovranno presentare domanda al Ministero dell'economia entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, pena decadenza del diritto.

Entro i 30 giorni successivi gli intermediari trasmetteranno sia al ministero che ad Alitalia i nominativi dei titolari di obbligazioni che hanno presentato domanda con l'indicazione della quantità di titoli detenuti, le dichiarazioni di impegno irrevocabile e una attestazione sull'effettiva giacenza dei titoli obbligazionari dichiarati dai richiedenti.

Quindi gli intermediari trasferiranno i titoli obbligazionari sul conto titoli presso la Banca d'Italia intestato al ministero dell'Economia. Entro il 31 dicembre 2009 il ministero provvederà a trasferire i titoli di Stato sui conti di deposito titoli indicati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il