BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Manager a Milano bloccati da lavoratori per mancato pagamento stipendio.

Protesta alla Omnia service contro i manager dell'azienda per mancato pagamento degli stipendi.



Monta la protesta alla Omnia service center di via Breda, periferia Nord di Milano, a un passo da Sesto San Giovanni, azienda che fornisce assistenza telefonica al gruppo H3g in cui lavorano settecentocinquanta addetti. Trecento hanno un contratto a tempo indeterminato., tutti gli altri firmano per quindici giorni, quando va bene sono sei mesi.

I turni sono su 24 ore, la paga oraria è di sette euro e cinquanta l’ora come paga base. Dodici e cinquanta quando va benissimo. Uno stipendio che alla fine non arriva nemmeno a 1000 euro al mese ma si ferma a quegli 850 euro con cui a Milano è quasi impossibile vivere con dignità.

E così, come accaduto alla Sony francese e alla Caterpillar oltre le Alpi, nella fabbrica del lusso dove gli operai bianco-rosso-blu hanno sequestrato un manager, anche a Milano i manager sono stati bloccati dai lavoratori che protestano per il mancato pagamento degli stipendi.

Da due mesi, infatti, l’azienda ritarda i pagamenti sostenendo che c’è la crisi, imputando la responsabilità ai committenti. Così i dipendenti dell'Omnia, presi dall'esasperazione, hanno chiesto all'Ad dell'azienda di parlare con tutti i dipendenti in cortile dove si stava tenendo l'assemblea. Lì, il manager è stato accerchiato e costretto a dar conto del mancato pagamento degli stipendi di febbraio.

Autori:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il