Crisi economica e liberi professionisti:calo fatturato per commercialisti, avvocati, medici, veterinari

E' crisi anche per i liberi professionisti. Cala il loro fatturato.



Quando la crisi economica arriva colpisce tutti, indistintamente. Non soltanto gli operai che hanno perso il posto di lavoro o coloro che sono soggetti alla cassa integrazione, ma anche i liberi professionisti che, solitamente, costituiscono quella casta privilegiata che sembra sempre esente da ogni rischio e difficoltà.

Ma il sembrare non è poi come l’essere nella realtà, perchè anche, e soprattutto potremmo dire, questa categoria è stata bersaglio della crisi finanziaria attuale. Dai commercialisti agli avvocati, ai giornalisti, ai medici, ai sociologi e ai veterinari: queste sono, in particolare, le categorie professionali che, secondo Contribuenti.it, Associazione Contribuenti Italiani, stanno più di tutti pagando a caro prezzo gli effetti della crisi.

L’Aci ha, infatti, identificato le categorie professionali in difficoltà nel nostro Paese in base ai dati relativi alla domanda di forniture professionali, alle prenotazioni ed al giro d’affari.

Si tratta di liberi professionisti che, secondo quanto reso noto da Contribuenti.it, nel 2007 avevano registrato un incremento del giro d’affari pari a quasi 20 miliardi di euro. Ora, invece, si trovano a fare i conti con un fatturato che, inevitabilmente, registra un calo notevole rispetto alle ‘abitudini’ di lavoro.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il