BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Stipendi manager pubblica amministrazione ed enti online. Brunetta lancia operazione trasparenza

Continua l'operazione trasparenza del ministro Brunetta. Le novità.



Il ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta, punta il dito anche contro gli stipendi dei manager pubblici. E anche la lista dei più pagati diventa ufficiale. Si tratta di 714 pagine che faranno parte dell’ Operazione trasparenza del ministro Brunetta che già messo sotto ‘assedio’ dipendenti pubblici e statali, nonché grandi manager.

Il ministero della pubblica amministrazione ha  pubblicato sul proprio sito internet (http://www.innovazionepa.gov.it/ministro/azioni_ministro/6264.htm) tutti i nomi delle aziende a partecipazione pubblica e le retribuzioni previste per i consiglieri di amministrazione e i legali rappresentanti. Diverse migliaia di pagine e di dati che, per Brunetta, dovrebbero servire per far sapere con esattezza al cittadino, a quali enti partecipa il proprio comune e a quanto ammontano le indennità per le persone chiamate a far parte dei rispettivi organi di governo.

Da questa lista emergono stipendi (lordi e annuali) di grande portata da cui risultano i veri Paperoni. A primeggiare è Giuliano Zuccoli, presidente del consiglio di gestione di A2A che sfiora il milione e mezzo di euro e due suoi manager superano il mezzo milione.

Elio Catania prende dall’Atm meno di 90mila euro, ma fra premi di risultato e altre prebende arriva a 480mila. Passando dalle società controllate dal Comune a quelle della Provincia, spicca l’amministratore delegato di Milano-Serravalle, Massimo Di Marco: 295mila euro l’anno. Il suo presidente l’ingegner, Giampio Bracchi prende 85mila euro.

E ancora, Giuseppe Bonomi l’avvocato amministrativista, leghista di Varese, lo scorso gennaio ha assunto se stesso come direttore generale, per sfuggire alla Finanziaria 2007 che fissava all’80 per cento del compenso del sindaco la retribuzione dei manager degli enti locali e così i suoi 87mila 593 euro sono lievitati prima per effetto dei bonus da amministratore delegato e ora grazie al lavoro dipendente. Il suo vicepresidente, Lino Girometta, guadagna 76mila 644 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il