BusinessOnline - Il portale per i decision maker








E-commerce in Italia in crescita nel 2009: settore migliori e statistiche

Cresce notevolmente lo shopping sul web. I settori più in vista.



Vola il commercio sul web, il suo valore sta raggiungendo risultati insperati e, soprattutto, inaspettati. Sarà a causa della crisi economica globale che sta colpendo il mondo intero e ogni fascia della popolazione, sarà la poca disponibilità di tempo da poter spendere fra passeggiate e shopping, sarà la poca voglia, fatto sta che un semplice click sul proprio computer piace più del camminare fra le vetrine dei negozi.

Dall’abbigliamento all’elettronica alla consultazione per la scelte di diverse polizze: grazie ai siti che comparano i prezzi, il business elettronico cresce. Ed è l’abbigliamento il settore che sta crescendo di più: ci sono marchi come Armani, Prada, Gucci, Energie, Diesel, Pinko, Bata.

L'ultimo arrivo è Furla, con un sito europeo a novembre e, a marzo, uno rivolto agli utenti americani. E poi spicca la storia dell’appena nato Loriblu, un'azienda artigiana molto popolare tra le signore della nuova borghesia russa. Altro fenomeno in crescita sono gli outlet virtuali, siti dove trovi grandi marche scontate fino al 50 per cento.

A gennaio-febbraio di quest'anno in Italia hanno aumentato i fatturati del 130 per cento rispetto al 2008, secondo i dati emersi dalle statistiche. Sono Born4shop, Saldi privati, Buyvip, Vente.privee. Ma Internet non è solo un buon negozio per lo shopping di capi di abbigliamento o elettronici, altro settore in forte espansione, che, tra l’altro, perette la comparazione di prezzi e dei diversi prodotti.

Spicca sul web, infatti, anche la famiglia di siti dedicati alle polizze. A marzo è nato 6Sicuro.it (gruppo Assiteca), il primo sito che permette di confrontare, gratis, le tariffe assicurative per auto e moto delle 18 principali compagnie italiane. Dai dati statistici elaborati da 6Sicuro (con circa 1.700 preventivi fatti al giorno) risulterebbe che la tariffa più economica costa in media la metà rispetto a quella più cara.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il