BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Assegni e tempi di incasso: diminuiscono i giorni così come i costi da Ottobre 2009

Csti e tempi di assegni bancari: le novità.



Si riducono, per la clientela, i tempi per incassare gli assegni bancari e scende il loro costo. Questi sono i risultati del provvedimento con il quale l'Antitrust ha accettato, rendendoli vincolanti, gli impegni presentati da Abi e PattiChiari nell’istruttoria per possibili intese restrittive della concorrenza.

Se all'Abi era stata contestata la fissazione collettiva, a livello associativo, del valore massimo delle commissioni interbancarie relative all'offerta dei servizi di assegno e Mav (il pagamento Mediante Avviso effettuato mediante bollettino), a PattiChiari era stata cintestata la definizione, a livello consortile, di un tetto massimo per i giorni di disponibilità economica e non stornabilità delle somme versate mediante assegno.

Successivamente all’istruttoria, Abi si è impegnata ad eliminare delle commissioni per assegni bancari troncati (0,06 euro) e assegni circolari troncati (0,02 euro), e a stabilire la riduzione, da 3,62 a 3,24 euro, della commissione assegni impagati restituiti in stanza. Le due commissioni eliminate sono quelle che assicuravano il maggior flusso di introiti e, quindi, quelle che maggiormente influenzavano il costo dell'assegno per il cliente.

PattiChiari si è, invece, impegnata a ridurre il tempo massimo di disponibilità economica delle somme versate con assegno da 7 a 6 giorni lavorativi successivi alla data di negoziazione, a partire dall'1 marzo 2009, per arrivare a 5 giorni lavorativi a decorrere dall'1 ottobre 2009.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il