BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prezzi e tariffe cellulari, sms e navigazione Internet più bassi nell'Ue. Legge definitiva

Via libera alla nuova legge su prezzi e tariffe relative ai servizi offerti dai cellulari. Le novità.



E’ stata approvata ieri con 646 voti favorevoli, 22 contrari e 9 astensioni, la nuova legge su prezzi e tariffe relative ai servizi offerti dai cellulari. La decisione è stata presa per evitare che gli utenti delle reti pubbliche di comunicazione mobile che viaggiano all'interno della Comunità paghino prezzi eccessivi rispetto alle tariffe competitive nazionali per i servizi vocali di roaming intracomunitario quando effettuano e ricevono chiamate, inviano e ricevono sms e utilizzano servizi di trasmissione dati.

Secondo la nuova legge, nel momento in cui un cliente entra in uno Stato membro diverso da quello della rete d'origine, il regolamento impone a ciascun fornitore del paese di origine di rendergli le informazioni essenziali sulle tariffe di roaming (comprensive di Iva) che gli vengono addebitate per effettuare o ricevere chiamate e per l'invio di sms nello stato membro visitato.

Tali informazioni dovranno essere fornite automaticamente mediante un servizio messaggi. In base al nuovo accordo, dal 10 luglio 2009, la tariffa massima non potrà superare 0,43 euro per le chiamate in uscita e 0,19 euro per quelle in entrata. Dal 10 luglio 2010, scenderà a 0,39 euro per le chiamate in uscita e 0,15 euro per quelle in entrata, mentre dal 10 luglio 2011giungerà a 0,35 euro per le chiamate in uscita e 0,11 euro per quelle in entrata.

Inoltre dal 10 luglio 2009 per la fornitura di tutte le chiamate in roaming a cui si applica l’eurotariffa, sia in entrata che in uscita, il fornitore del paese d'origine dovrà imporre ai clienti in roaming una tariffa calcolata al secondo. Ma il fornitore del paese d'origine potrà applicare alle chiamate soggette a eurotariffa un periodo iniziale minimo non superiore a 30 secondi.

Verrà, infine, introdotto un principio di fatturazione al secondo, che avrà valore dopo i primi 30 secondi di conversazione per le chiamate effettuate stando all’estero e dopo il primo secondo per quelle entranti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il