BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Previsioni economiche 2009-2010: Pil Italia negativo in entrambi gli anni come Ue. Poco meglio Usa

Le previsioni parlano di una ‘severa recessione’ a livello mondiale nel 2009 e una ‘graduale ripresa’ nel 2010: così il Fmi.



Le previsioni parlano di una ‘severa recessione’ a livello mondiale nel 2009 e una ‘graduale ripresa’ nel 2010: ad annunciarlo è il Fmi. Secondo il World Economic Outlook, il prodotto globale si contrarrà dell'1,3% quest'anno, per poi tornare a crescere dell'1,9% il prossimo.

Nonostante la negatività, si tratta, comunque, di numeri migliori rispetto a quelli attesi a gennaio, quando i tecnici avevano previsto una discesa dell'1,8% dell'economia mondiale per il 2009 e una contrazione dell'1,1% per il 2010. Brutte le notizie per l’Italia, dove, dopo un 2009 di profonda recessione, anche il 2010 registrerà un forte appesantimento dei conti pubblici e del debito.

L'Italia quest’anno registrerà un calo del Pil del 4,4%, che sarà seguito da un altro calo, dello 0,4%, nel 2010. Per quanto riguarda il deficit, invece, in Italia quest'anno salirà a livelli molto superiori rispetto a quelli richiesti dal trattato di Maastrich (5,4%) per poi salire ancora al 5,9% l'anno prossimo.

Le stime sono però sostanzialmente in linea con quelle di marzo dell'Ocse (pari rispettivamente a -4,3% e a -0,4%). I Paesi dell'Eurozona registeranno una contrazione del 4,2% nel 2009 e -0,4% nel 2010. L'unico Paese d’Europa in controtendenza è la Francia, che, secondo le stime, l'anno prossimo riprenderà a crescere (+0,4%). Il 2009 degli Usa presenterà, invece, una flessione del pil del 3,8% e crescita zero l'anno prossimo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il