BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Chrysler-Fiat: la società USA taglierà 38.000 posti di lavoro

Chrysler annuncia la chiusura di 789 concessionari entro il 9 giugno.



Mentre la Fiat chiude accordi per risollevare le sorti della Chrysler, la Casa automobilistica americana annuncia l’intenzione di chiudere 789 concessionari entro il 9 giugno.

Questo significa chiudere circa il 25% del totale. Dopo la chiusura di questi punti vendita, l'80% dei concessionari Chrysler rimanenti venderà tutti e tre i marchi della società sotto un'unica insegna. Dall'inizio del 2008, infatti, Chrysler ha avviato un consolidamento della propria rete di vendita con il Progetto Genesis, che prevede la vendita dei marchi Dodge, Jeep e Chrysler in un unico punto vendita.

La chiusura delle concessionarie si tradurranno nella perdita di 38.000 posti di lavoro. La notizia, riportata dall'edizione digitale del giornale Automotive News, emerge dai documenti depositati in tribunale. La riduzione rientra nella più ampia ristrutturazione della società in bancarotta.

Secondo, infatti, la legge per la bancarotta Chrylser non è obbligata a riacquistare i veicoli o i componenti già in possesso dei concessionari ‘rifiutati’, quelli cioè che non entreranno a fare parte della nuova società con Fiat azionista. Chrysler nella missiva precisa inoltre che dopo il 9 giugno, cioè dopo che i concessionari saranno chiusi, invierà lettere ai 4 milioni di clienti dei concessionari rifiutati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il