BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Stipendi in Italia 2009: la media è 16mila euro. Confronto con altre nazioni

Gli italiani agli ultimi posti nella classifica Ocse sugli stipendi. A pesare sulle nostre buste paga imposte e contributi



Gli italiani agli ultimi posti nella classifica Ocse relativa agli stipendi. A pesare sulle nostre buste paga sarebbero imposte e contributi. Gli stipendi degli italiani sono tra i più bassi dei Paesi Ocse. Sui trenta paesi che fanno riferimento all'organizzazione di Parigi, l'Italia, con un salario medio annuo netto di 21.374 dollari (16mila euro) si colloca al 23esimo posto.

Davanti si piazzano Gran Bretagna, Giappone, Stati Uniti, Germania, Francia e tutti i Paesi europei, fatta eccezione del Portogallo e dei paesi dell'Allargamento. Ultimo il Messico. Salari penalizzati anche se il raffronto viene fatto con la Ue a 15 (27.793 di media) e con la Ue a 19 (24.552), secondo le statistiche relative al periodo 2008- 2009.

Il salario di un cittadino italiano raggiunge mediamente i 16.000 euro l'anno, poco più di 1.300 euro al mese. Anche lo scorso anno l’Italia era in coda alla classifica, collocata al ventitreesimo posto. La classifica si riferisce al salario netto annuo di un lavoratore singolo ed è calcolato in dollari a parità di potere d’acquisto.

A far precipitosamente calare i soldi nella busta paga degli italiani sono imposte e contributi che rappresentano il 46,5% del totale. Tra i Paesi con tasse più alte, l’Italia è sesta su trenta. Il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, commentando i dati Ocse, ha ammesso la necessità di rivedere il modello contrattuale e ridurre la pressione fiscale sui salari.

 
Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il