BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cambiare mutuo e tasso del 4% agevolato: tanti i problemi denunciati

Lamentele e reclami da parte dei mutuatari. I motivi.



L’Antitrust, insieme a numerosi messaggi che ogni giorno arrivano a Mutui24, ha denunciato lamentele e reclami da parte di chi stipula mutui. Negli ultimi mesi, principale motivo di lamentela da parte dei mutuatari è stato quello della portabilità a costo zero introdotta dal Decreto Bersani circa due anni fa ma applicato in maniera decisamente discontinua dalle banche.

A causa di procedure rallentate (con il rischio di perdere i benefici del passaggio a un tipo di tasso differente) e costi non dovuti, l'Antitrust ha deciso di elevare a circa 10 milioni di euro la multa a carico di 23 istituti di credito operanti sul territorio italiano, provvedimento poi annullato dal Tar con una sentenza che l'Authority intende impugnare presso il Consiglio di Stato.

A questi problemi si  aggiunge poi anche quello legato alla portabilità delle polizze legate al mutuo (quelle obbligatorie, scoppio e incendio, e quelle aggiuntive), e, infine, la controversa questione fra mutuatari e istituti di credito sul cosiddetto tetto al 4%.

Il problema nasce dal fatto che del contributo dello Stato a vantaggio dei mutui prima casa a tasso non fisso non c'è ancora traccia, dopo quasi 5 mesi dal Decreto anticrisi che lo ha istituito. Questo accade perché oltre a banche e governo, ad essere coinvolta nel processo di cambiamento mutuo è anche l’Agenzia delle Entrate che ritarda sui tempi di studio delle condizioni (favorevoli o no) dei mutuatari.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il