BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Studi di settore rivisti 2009 settore per settore. Cosa è cambiato? A quali i maggiori benefici?

Si chiama Gerico 2009, il nuovo software per gli adddetti agli studi di lavoro. Le novità



Si chiama Gerico 2009, il nuovo software con forma grafica già nota agli addetti del settore, tanto nella struttura delle videate quanto nella presentazione dei risultati finali, reso disponibile dall'agenzia delle Entrate per gli studi di settore e che propone novità per il nuovo anno in corso, a partire dai correttivi che dovranno essere sostanzialmente proporzionati alla contrazione dei compensi per i professionisti, con vantaggi per le professioni sanitarie (dentisti e oculisti in prima linea) e per il comparto legale e notarile, fino alla valutazione dell’impatto della territorialità piuttosto ridotto.

Gli studi di settore, specialmente dopo gli interventi del 2008, sono sempre stati definiti come strumenti sensibili alla collocazione territoriale dell'attività svolta. Inoltre, gli stessi correttivi, dovrebbero impattare in modo differenziato per area territoriale. Come si nota dai dati, oltre all'analisi di congruità, i correttivi si discostano in misura poco significativa in contesti del tutto differenziati, come possono essere i più noti capoluoghi di regione, rispetto ad alcuni centri di provincia.

Il nuovo Gerico sembra sfavorire le attività collocate in zone decentrate. Per quanto riguarda la prima opzione, sulle professionalità, non ci aspettava alcuna novità sul funzionamento dei correttivi e sembrava delinearsi l'idea che la crisi vera e propria potesse far sentire i propri effetti con un certo ritardo negli studi. In riferimento ad un sostanziale allineamento tra dimensione del compenso e misura del correttivo individuale, spicca il comparto sanitario, dove l'intervento appare certamente più drastico ed evidente, forse per la presenza di più elevati ammontari di beni strumentali (si pensi al caso del dentista) rispetto alle altre situazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il