BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Maturità 2009: le novità. Crediti, prove scritte e orali, ammissione con la media del 6.

Manca poco al via degli esami di maturità 2009. Le novità.



La scuola sta finendo e per chi dovrà prepararsi ad affrontare gli esami di maturità, siamo agli sgoggioli. 2009: anno di cambiamenti, dove l’esame di maturità non diventa più una semplice formalità. Se prima, infatti, sanciva la fine formale di un ciclo di studi che lanciava poi l’alunno nel mondo ‘grande’ dell’università, qualunque fosse l’esito dell’esame e in qualunque modo si svolgesse, oggi per arrivare all’agognato traguardo bisognerà impegnarsi davvero.

Molte le novità previste, a partire dalla più significativa: l'ammissione stessa torna ed essere un ostacolo tutt'altro che semplice da superare. Saranno, infatti, ammessi agli esami solo gli studenti con la media del sei, condotta compresa. Inoltre, dal prossimo mese di giugno, nessun maturando potrà essere ammesso agli esami se non avrà superato i debiti formativi contratti negli anni precedenti.

Per quanto riguarda la prima prova scritta, quella di italiano, se normalmente si svolgeva mercoledì, quest’anno si farà, invece, di giovedì e il giorno dopo sarà la volta della seconda prova scritta. Lunedì 29 giugno sarà la volta della terza prova scritta per tutti gli indirizzi scolastici, come i licei artistici e gli istituti d'arte, dove la seconda prova si articola in tre o più giorni.

L'esito del colloquio avrà, invece, un peso minore nell'economia dell'esame. Il massimo punteggio che, quest'anno, le commissioni potranno attribuire ai candidati sarà di 30 punti, anziché 35. Con la sufficienza che da 22 punti scende a 20. I voti finali verranno di nuovo pubblicati. L'anno scorso, per sapere il voto che la commissione aveva attribuito bisognava recarsi in segreteria, mentre nei quadri affissi veniva pubblicata solo ‘Esito positivo’ o ‘Esito negativo’.

Per il resto, il punteggio finale continua ad essere espresso in centesimi e 100 sarà il voto più alto, accompagnato se necessario dalla lode, per superare l'esame occorrerà raggiungere almeno 60 dei 100 punti e, infine, ad ogni prova scritta, tre in tutto, la commissione potrà attribuire al massimo 15 punti, con la sufficienza fissata a 10 punti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il