BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Farmaci generici: trovare corrispettivo grazie ad Altroconsumo. E la Coop lancia altre medicine

Farmaci generici al posto di quelli di marca. Differenze e stessi principi attivi



Come curarsi con i medicinali ma risparmiando? Basta acquistare farmaci generici piuttosto che di marca. E’ importante sottolineare che i farmaci equivalenti non vanno considerati come dei medicinali di serie b perché si tratta di farmaci in tutto e per tutto equivalenti dal punto di vista qualitativo e quantitativo al farmaco di marca. L'unica differenza è che costano di meno e hanno un nome diverso (di solito quello del principio attivo).

I farmaci equivalenti costano di meno perché nel momento in cui un farmaco viene commercializzato per la prima volta è coperto da brevetto, passati un certo numero di anni il brevetto scade e a quel punto può essere prodotto e commercializzato anche da altre aziende autorizzate che lo immetteranno sul mercato con un nome chimico generico. Il risparmio dato dall'acquisto dei farmaci equivalenti può andare dal 20 al 50 percento rispetto ai farmaci di marca corrispondenti.

Nel momento in cui si richiede un farmaco, il farmacista è tenuto a informare il cliente dell’esistenza del suo corrispettivo generico. Sulla banca dati del sito dell'associazione Altroconsumo (http://www.altroconsumo.it) è possibile verificare l'esistenza di un farmaco più economico rispetto a quello prescritto. Il dato relativo alla ripartizione della spesa farmaceutica lorda, mostra come dal 2007 a oggi è rimasta pressoché stabile ma, mentre è diminuita la quota a carico del servizio sanitario nazionale (Ssn), quella a carico dei cittadini è aumentata (da 4,2 a 5,1%).

La novità è che da metà  giugno la Coop venderà con il suo marchio nuove medicine. Fra queste spiccano il paracetamolo, principio attivo contenuto nella tachipirina, uno degli analgesici e antifebbrili più usati. Venti compresse da 500 mg per un euro e mezzo, meno della metà dello stesso farmaco di marca. E ancora, l’acido acetilsalicilico e ascorbico, stessa composizione del Vivin C, al prezzo di 2 euro, meno della metà dell'analogo di marca, venduto mediamente a 4,92.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il