BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rinnovo contratti e aumento stipendio per 2009 per lavoratori di Regioni, Province, Comuni

Un aumento di circa 63 euro nella busta paga di lavoratori di regioni, province e comuni. Il nuovo accordo.



Un aumento di circa 63 euro nella busta paga di oltre 500 mila lavoratori di regioni, province e comuni. Sarebbe questo il risultato dell’accordo stipulato fra Aran e sindacati e che prevede, oltre all'aumento di 63 euro, anche un ulteriore aumento dell'1%. L'intesa è stata sottoscritta unitariamente da Cgil, Cisl e Uil. I sindacati, quindi, giudicano l'accordo un ‘risultato importante’.

Questi aumenti saranno a disposizione delle amministrazioni che hanno rispettato il Patto di Stabilità interno e le regole per il contenimento della spesa del personale. Per gli enti che risulteranno più virtuosi, inoltre, sarà messo a disposizione  uno 0,5% in più per premiare la maggiore produttività e il merito dei dipendenti. L'aumento, dunque, per le amministrazioni più virtuose potrà arrivare anche a superare i 90 euro.

Il fatto che i lavoratori italiani siano fra i meno pagati dei Paesi industrializzati, come anche sottolinea la classifica dell’Ocse, dove occupano soltanto la 23esima posizione, non è certamente una novità. I sindacati lo ribadiscono da tempo e anche il governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, lo ripete durante ogni occasione pubblica. Ma ora, dopo l’ultimo accordo siglato,  i dipendenti pubblici potranno iniziare a consolarsi e pian piano recuperare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il