BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Opel e Fiat si può ancora fare nonostante accordo con Magna.

Ancora aperte le trattative per Opel. Magna si ma Fiat che farà?



Opel ringrazia il governo tedesco ma la querelle acquisizioni è ancora tutta aperta. Da quando infatti Magna si è impegnata a rilevare la maggioranza di Opel da Gm, le polemiche sul salvataggio non si sono comunque placate e la divisione si è acuita. Da un lato il ministro dell’Economia, il cristiano-sociale zu Guttenberg, che non era convinto dal piano di Magna.

Dall’altra i socialdemocratici, impegnati prima a sostenere il gruppo austro-canadese, ora ad attaccare zu Guttenberg. Nel mezzo, la cancelliera Angela Merkel, per cui l’offerta di Magna espone a non pochi rischi. Ma le complicazioni non finiscono qui, perché se Fiat, per voce dell’ad Sergio Marchionne, alla richiesta dei 300 mln di euro di Gm, si era tirata indietro spiegando di ‘non voler esporsi a rischi non necessari e irragionevoli’, Magna aveva assicurato di poter anticipare i 300 milioni.

Questa promessa era stata ben accolta da Berlino ma poi ignorata dal ministro delle Finanze, Peer Steinbrück, che ha attivato la banca a controllo statale KfW e aggirato la commissione Bilancio del Bundestag, scatenando reazioni di protesta da parte del suo presidente, Otto Fricke. Alla luce delle ultime ‘rivelazioni’, il portavoce dell’esecutivo tedesco, Ulrich Wilhelm, ha sostenuto che ‘con Magna non c'è ancora un contratto definitivo e i colloqui proseguono e il processo è ancora aperto a tutti gli offerenti’.

Potrebbe essere questa una sorta di provocazione per richiamare Fiat ad un interesse nei confronti di Opel. Nel frattempo, da Torino nessuna risposta, ma in un comunicato di qualche giorno fa si leggeva ‘Fiat rimane disponibile ed impegnata a continuare le discussioni con tutte le parti interessate per trovare una soluzione stabile e duratura per Opel’. Giochi ancora aperti?

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il