BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prezzi benzina in Italia più bassi di solo 0,25 euro mentre petrolio è sceso fortemente.

Il prezzo del petrolio scende ma la benzina resta alta. Il ministro Scajola chiede spiegazioni.



Nonostante il prezzo del petrolio sia sceso parecchio, il costo della benzina resta comunque alto, nonostante si sia abbassato di solo 0,25 euro. Considerando questa situazione, il responsabile dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, ha spiegato che ha intenzione di chiedere conto all’industria petrolifera dell’andamento dei prezzi della benzina alla pompa.

Le domande che si rincorrono sono le solite: perché i rincari del greggio si verigficano quasi in contemporanea sui listini di benzina e gasolio, mentre i ribassi arrivano più lentamente e come si può pagare un litro di benzina 1,27 euro con il barile di greggio a 66 dollari (al primo giugno), quando, nel luglio dell’anno scorso con il valore del barile più che doppio a quota 144 dollari, per un litro della stessa benzina si pagava poco più di un euro e mezzo?

I dubbi crescono e i sospetti non si placano. E’ per questo motivo che si è corso ai ripari delle spiegazioni. Se, infatti, i prezzi dei carburanti seguono i mercati internazionali e sono probabilmente le commodity di cui al mondo si segue con maggiore attenzione l’andamento, secondo quanto dice Antonello Minciaroni, esperto prezzi Mercato petrolifero del giornale online quotidianoenergia, allora il mercato del petrolio dovrebbe portare ad una abbassamento notevole dei prezzi.

Ma se si considerano tutti i passaggi che dall’estrazione del petrolio, all’acquisto, al trasporto, alla raffinazione, che avrebbe ridotto la produzione in modo da far salire i prezzi dopo aver stoccato nei mesi passati barili di petrolio a basso prezzo, ecco spiegato il prezzo ancora relativamente alto della benzina.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il