BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Aprire una impresa e gestione: al nord-est le condizioni migliori. Le peggiori in Calabria

Meglio al Nord che al Sud: aprire un'impresa conviene al settentrione. I dati



Il Nord Est, e in particolare Bolzano, offre le migliori condizioni per fare impresa in Italia, scenario che cambia completamente se ci si sposta in Calabria e soprattutto a Crotone e in generale per la Calabria. La Qualità della Vita dell'Impresa risulta buona anche nelle provincie di Trento, Ravenna e Rimini, mentre in coda figurano, appena sopra a Crotone, Catanzaro e Cosenza.

Questi sono i dati diffusi dall'Ufficio Studi di Confartigianato e forniti dal Rapporto ‘Il cielo sopra la crisi’, presentati in occasione dell'Assemblea della Confederazione. Secondo i dati, il Nord Est è la macro area italiana più incrine al fare impresa, mentre Nord Ovest e Centro si collocano nel mezzo e in coda ci sono le Isole e le regioni del sud, in particolare Sicilia, Campania e Calabria.

La classifica è stata stilata osservando 39 indicatori in 11 ambiti per valutare la capacità di ciascun territorio provinciale di mettere a disposizione degli imprenditori italiani l'ambiente più favorevole possibile dove operare con la propria impresa.Tra i diversi ambiti considerati, ci sono stati Densità imprenditoriale, Mercato del lavoro, Pressione fiscale, Concorrenza sleale del sommerso, Burocrazia, Credito, Tempi della giustizia civile, Legalità e conflittualità, Utilities e servizi pubblici locali, Capitale sociale del territorio e Infrastrutture.

Per quanto riguarda la pressione fiscale, invece, le cose vanno meglio in quelle province in cui è presente una forte autonomia: Bolzano, Trento e Aosta. Le peggiori sono, invece, Salerno, Latina e Napoli. Meno pesante il peso della burocrazia a Prato, Ravenna e Reggio Emilia, mentre a risentirne maggiormente sono Roma, Campobasso e Catanzaro. Infine, valutando i servizi pubblici locali le province con le migliori condizioni sono Aosta, Milano e Genova, mentre le ultime tre sono Teramo, Campobasso e Isernia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il