BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ballottaggio per province e comuni 2009: Lombardia,Veneto, Lazio, Puglia e altre regioni. Previsioni

alleanze e previsioni in vista dei ballotaggi delle elezioni provinciali e comunali.



Dopo i risultati delle elezioni amministrative dello scorso 6 e 7 giugno, in parecchie regioni di Italia si andrà al ballottaggio il prossimo 20 giugno per provinciali e comunali. Fra le regioni di spicco, in cui sembrano cambiare gli equilibri politici ancora una volta, in cui alleanze e scambi la fanno da padrone, spiccano Puglia, Lazio, Lombradia, Veneto, Toscana.

Gli esiti delle elezioni hanno, comunque, determinato un risultato certo: la vittoria del PDL così netta che lo stesso PD lo ha ammesso per voce del leader Franceschini ma anche di tutti gli altri esponenti del Partito Democratico. Secondo le previsioni, in Toscana, per la prima volta entreranno sicuramente esponenti della Lega Nord Toscana, dell’Italia dei Valori e di Sinistra e Libertà.

E il successo della nuova Lega lo si deve non più alla forza semplicemente di protesta. Nei territori dove si è insediata, la Lega si è, infatti, fatta apprezzare per il buon governo e il rinnovamento della classe dirigente. In Veneto le alleanze in vista dei ballottaggi dovrebbero così profilarsi: Venezia, Udc e Nuovo Psi sosterranno, con un'alleanza politica, Francesca Zaccariotto (centrodestra). Rovigo e Belluno, nessun apparentamento, ma alleanza programmatica tra Udc e i candidati di Pdl-Lega.

In Lombardia, nella Provincia di Milano, Filippo Penati del centrosinistra sarà richiamato a sfidare Guido Podestà che ha preso il 48,8% dei consensi. Ma a Milano l’UDC non si schiera nella sfida tra Filippo Penati e Guido Podestà. Penati ha ottenuto il sostegno della lista ‘Pensioni e lavoro’. C’è tensione anche nelle roccaforti del centrosinistra, a partire da Bologna, dove Flavio Delbono del PD dovrà rintuzzare l’assalto di Alfredo Cazzola, mentre a Firenze Matteo Renzi dovrà conquistare la poltrona di Sindaco a scapito di Giovanni Galli. A Bologna l'Udc, per le comunali, che al primo turno ha sostenuto Giorgio Guazzaloza, non farà apparentamenti, darà indicazione di voto a favore di Alfredo Cazzola, candidato di Pdl-Lega.

Niente accordi per Flavio Delbono (centrosinistra). A Ferrara, dopo la Lega, anche Udc e Socialisti Ferraresi hanno stretto un accordo con Giorgio Dragotto (Pdl). Nel centrosinistra Tiziano Tagliani esclude accordi ufficiali. Forlì: invariata la coalizione per Roberto Balzani (centrosinistra) mentre a fianco di Alessandro Rondoni il Pri si aggiunge a Lega, Pdl e Udc. In Puglia, nel capoluogo pugliese, per la Provincia, il presidente uscente, Vincenzo Divella (Pd) è stato battuto dallo sfidante del Pdl Francesco Schittulli, oncologo e presidente nazionale della Lega italiana per la lotta contro i tumori.

Nel frattempo la ‘sfida’ fra il sindaco ancora in carica, Michele Emiliano, e Simeone Di Cagno Abbrescia continua serrata in attesa del ballottaggio. A Bari, Foggia e Brindisi, l'Udc si schiera con centrosinistra. A Brindisi farà lo anche l'Idv e, secondo le previsioni, nel capoluogo dovrebbe riconfermarsi a sindaco Emiliano.

In Campania, ad Avellino l'Udc sosterrà Massimo Preziosi (Pdl). Giuseppe Galasso (Pd) verso un accordo con il Centrosinistra alternativo, mentre in Sicilia a Caltanissetta si profila un’intesa Pdl-Udc a sostegno di Michele Campisi, mentre Fiorella Falci (centrosinistra) ottiene l'appoggio della Democrazia cristiana. Il Movimento per le autonomie lascia libertà di voto agli elettori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il