BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Agevolazione per disabili aggiornata al 2009. La lista

L'Agenzia delle Entrate dell'Emilia Romagna rende disponibili tutte le novità 2009 sulle agevolazioni per i portatori di handicap



E’ il frutto di un lavoro svolto dall’Agenzia delle entrate dell’Emilia Romagna, quello che ha portato alla pubblicazione della Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità, aggiornata al 2009. Si tratta di una sorta di vademecum reso disponibile per tutti che si propone l’obiettivo di illustrare con un linguaggio semplice e chiaro, le principali novità fiscali per i diversamente abili.

Nell’ambito delle novità previste rientrano: l’Iva agevolata al 4%, senza limiti di importo, sull’acquisto dei mezzi di locomozione di cilindrata non superiore a 2.000 centimetri cubici, se con motore a benzina, o a 2.800 centimetri cubici, se con motore diesel, sia nuovi che usati, la detrazione dall’irpef del 19% delle spese riguardanti l’acquisto dei mezzi di locomozione di qualsiasi cilindrata (compresi gli autocaravan) nei limiti di un importo di 18.075,99 euro, l’esenzione permanente dal pagamento del bollo e dal pagamento delle imposte di trascrizione sui passaggi di proprietà per quanto riguarda la materia di veicoli di spostamento.

Per quanto concerne, invece, gli altri mezzi tecnici di supporto è prevista: la detrazione delle spese di acquisto e mantenimento, queste ultime in modo forfetario, del cane guida per i non vedenti, la detrazione dall’Irpef del 19% delle spese sostenute per i servizi di interpretariato dei sordomuti e della spesa sostenuta per i mezzi necessari per l’accompagnamento, la deambulazione, la locomozione, il sollevamento e per i sussidi tecnici e informatici.

Prevista la deduzione dal reddito complessivo dell’intero importo delle spese mediche generiche e di assistenza specifica sostenute dai portari di handicap. Per i figli a carico, è prevista la detrazione dall’irpef, per ogni figlio portatore di handicap fiscalmente a carico di 1020 euro (1120 se minore di 3 anni). Tali importi non sono fissi ma diminuiscono con l’aumentare del reddito conseguito nell’anno.

Mentre, capitolo importante, per quanto riguarda l’abbattimento delle barriere architettoniche, sono previste: Iva agevolata al 4% alle prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto aventi ad oggetto la realizzazione delle opere direttamente finalizzate al superamento o alla eliminazione delle barriere architettoniche e detrazione d’imposta del 36% sulle spese sostenute, fino al 31/12/2011, per interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche e per realizzare qualsiasi strumento che attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo tecnologico, sia adatto a favorire la mobilità interna ed esterna delle persone portatrici di handicap grave.

A beneficiare di queste agevolazioni sono anche i familiari che hanno sostenuto la spesa nell’interesse del disabile, a condizione che questi sia a suo carico ai fini fiscali ed abbia un reddito complessivo annuo inferiore a 2.840,51 euro e la novità è l’erogazione, nell’anno 2009, di un bonus straordinario di importo variabile a seconda dei redditi e della composizione della famiglia, stando al nuovo decreto anticrisi.

Ciò significa che se il reddito complessivo familiare non supera i 35.000 euro ed è presente il coniuge, un figlio o altro familiare, portatore di handicap, fiscalmente a carico del richiedente, il beneficio sarà di 1.000 euro. La richiesta del bonus, con riferimento ai redditi del 2008, può può presentare sul modello 730 o Unico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il