Marketing alternativo e non convenzionale: ecco le imprese italiano che lo fanno

Nuove stategie di marketing per incrementare il rendimento delle aziende. I casi



Da Internet al mondo del retail: il marketing in tempo di crisi subisce cambiamenti ed offre nuove opportunità. Il direttore dell’area marketing della Sda Bocconi, Sandro Castaldo, nel corso dei due giorni tenutisi a Milano per l’incontro ‘Marketing in tempo di crisi’, ha spiegato che “Oggi ci sono meno risorse a disposizione e che i clienti non sono più disposti a spendere come una volta. Per questo bisogna essere più creativi e innovativi”.

Secondo i risultati di un’indagine condotta dalla stessa Sda Bocconi, su un campione di 304 aziende di varie dimensioni, circa il 70% non ha modificato i propri criteri di lavoro marketing, il 15% ha ridotti gli investimenti, ma un altro 15 ha deciso di aumentarli puntando ad incrementare e valorizzare quello che sembra uno dei pilastri perché un’azienda sia vincente.

La novità consiste nell’investire in forme di marketing non convenzionale, ciò si traduce in investimenti che non vanno a toccare più un solo settore ma che convergono in diversi settori. Fra gli esempi migliori c’è Nintendo che con il rilascio della consolle Wii non si rivolge più solo agli amanti dei videogiochi ma anche a coloro che amano il fitness e lo sport.

La catena Coop punta su una strategia di marketing che pubblicizza i proprio prodotti mettendoli anche a confronto con quelli di altre aziende. Senza considerare l’innovazione che la nuova frontiera del web è capace di portare nel mondo del marketing, a cominciare dalla possibilità che il cliente ha di poter proporre nuove idee.


 
Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il