BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasse sugli stipendi lavoratori dipendenti italiani le più alte nella Ue

La pressione fiscale in Italia è tra le più alte nei Paesi dell'Ue.



Le tasse sugli stipendi dei lavoratori italiani sono le più alte dei Paesi Ue: a confermarlo è l’Eurostat, secondo cui le tasse e i contributi sociali rappresentano il 44% del costo del lavoro, contro la media del 34,3 nella zona euro.

I livelli più bassi sono quelli di Malta (20,1%), Cipro (24%) e Irlanda (25,7%), mentre i più dati alti, dopo quelli italiani, sono quelli di Svezia (43,1%) e Belgio (42,3%). Per quanto riguarda i redditi delle imprese italiane, la riduzione delle tasse è passata dal 41,3% del 2000 al 31,4% di quest'anno.

La tassazione tocca i livelli più alti a Malta (35%), in Francia (34,4%) e in Belgio (34%) e i più bassi in Bulgaria e a Cipro (10%) e in Irlanda (12,5%). Mentre la pressione fiscale nel nostro Paese nel 2007 ha raggiunto il 43,3%, in aumento rispetto al 42,1% del 2006, e contro una media europea del 39,8% e del 40,4 dei paesi della zona euro, è, invece, diminuita di un punto percentuale l'aliquota massima applicata ai redditi delle persone fisiche, passata dal 45,9 al 44,9%.

Le aliquote maggiori in questo campo sono quelle registrate in Danimarca (59%), in Svezia (56,4%) e in Belgio (53,7%) mentre le minori si registrano in Bulgaria ( 10%), Repubblica Ceca (15%) e Romania ( 16%).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il