BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Carta di credito: come scegliere quella migliore? Alcuni consigli

Circuito, emittente, costi: le voci da conoscere per scegliere una carta di credito



Cresce il volume delle carte di credito in Italia anche se, nonostante questa crescita (si parla di un aumento negli ultimi anni di quasi il 10% cioè oltre 16 milioni di carte attive nel 2007) il nostro BelPaese viene preceduto da molte altre nazioni europee, a partire dalla Francia, dove i francesi utilizzano per più del 40% delle loro transazioni le carte di credito o debito, seguiti dai tedeschi che hanno abbandonato il contante per oltre il 20% delle transazioni.

La carta di credito viene spesso consigliata sin dal momento dell’apertura di un conto personale in banca, quando anche viene proposta anche la titolarità del bancomat. Nella scelta della propria carta, ci sono diverse valutazioni da compiere.

La prima riguarda il circuito: la scelta è tra Visa, Mastercard, American Express e Diners, ognuno dei quali ha dei plus da valutare al momento della scelta, perché proprio il livello d’accettabilità della carta cambia da circuito a circuito d’appartenenza. Per esempio le carte di credito Visa e Mastercard sono le più accettate nel mondo, mentre American Express e Diners Club sono meno diffuse.

Bisogna poi valutare se l’emittente valutare è affidabile ed offre un buon servizio di assistenza telefonica o online nel caso di problemi nell’utilizzo della carta. E da non sottovalutare sono, ancora, i costi: oltre al canone annuale, infatti, ci possono essere numerose voci che gravano sull’estratto conto, per esempio la commissione sul prelievo del contante, la commissione per il rifornimento di carburante e quella per il pagamento del pedaggio autostradale, il bollo per l’invio dell’estratto conto.

Ed è necessario, inoltre, valutare se scegliere una carta a saldo o optare per una carta con modalità di rimborso a rate e, se questa è la scelta, quale piano di rimborso utilizzare. Per maggiore informazioni sarebbe sempre meglio rivolgersi ai proprio istituti di credito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il