BusinessOnline - Il portale per i decision maker








PIL 2010 mondiale rivisto in rialzo. Ma le previsioni per l'Italia ancora negative.

Le previsioni sull'andamento dell'economia mondiale contenute nel rapporto 'World Economic Outlook' del Fondo monetario internazionale.



L’economia mondiale sta iniziando a uscire dalla recessione, ma la ripresa sarà lenta e rischi dello scenario restano orientati verso il basso. Questa la sintesi dell’aggiornamento del rapporto «World Economic Outlook» del Fondo monetario internazionale.

Il PIL globale si contrarrà quest'anno dell'1,4% contro l’1,3% previsto lo scorso aprile. L’anno prossimo, invece, l’economia mondiale si espanderà del 2,5%, a fronte dell’1,9% stimato nell’aprile scorso.

Più in dettaglio, la zona euro registrerà nel 2009 una contrazione del PIL pari al 4,8%, contro il 4,2% stimato in aprile. Nel 2010 l’economia di Eurolandia si contrarrà dello 0,3%, appena lo 0,1% in meno rispetto alle precedenti valutazioni. La nazione europea più colpita sarà la Germania, mentre la migliore economia del Vecchio Continente sarà in Francia. Al di fuori dei confini dell’area euro, il Regno Unito accuserà un calo del PIL del 4,2% nel 2009, per poi risalire a un +0,2% nel prossimo anno. Negli USA, il PIL calerà del 2,6% nel 2009, mentre il prossimo anno salirà dello 0,8%. L’FMI ha rivisto al rialzo la stima sulla crescita dell’economia cinese: +7,5% nel 2009, + 8,5% nel 2010.

Note dolenti per l’Italia. Secondo il Fondo monetario internazionale la caduta del PIL nel 2009 sarà più pesante del previsto, mentre nel 2010 seguirà una contrazione più lieve. Le stime aggiornate a Washington, infatti, segnalano un calo del PIL italiano del 5,1% nel 2009, a fronte del 4,4% delle proiezioni di aprile. La stima sul 2010, invece, migliora, anche se l’Italia resta in territorio negativo: le valutazioni di aprile indicavano una perdita dello 0,4%, mentre ora si parla dello 0,1%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il