Commercio mondiale e riforma valutaria progressiva emergono dal G8 e G5

I Grandi hanno stilato una dichiarazione congiunta denominata 'Promuovere l'agenda globale'. Contiene le direttive da seguire per l'economia e la riduzione delle emissioni inquinanti.



Si chiama «Promuovere l’agenda globale» la dichiarazione congiunta approvata dai paesi del G8 e del G5 (Cina, India, Messico, Sud Africa e brasile), più l’Egitto, ospite della presidenza italiana, e la Svezia, in veste di paese presidente di turno della UE.

Nel documento, i paesi del G14 esprimono l’intenzione di chiudere il Doha Round sul commercio globale entro il 2010, di esplorare fin da subito ogni possibilità di impegno diretto nell’ambito della WTO e di fissare un nuovo incontro prima del vertice del G20 di Pittsburgh, previsto per settembre. A L’Aquila emerge con forza la volontà di trovare soluzioni concordate che consentano all’economia globale di riprendere la crescita, lungo un cammino che dovrà essere equilibrato, equo e sostenibile, a beneficio di tutti. L’impegno sarà profuso anche per assicurare quella che la dichiarazione definisce «una ripresa verde globale», attraverso lo sviluppo, la diffusione e il trasferimento di tecnologie pulite, a basso contenuto di carbonio, con l’obiettivo di ridurre le emissioni e di aumentare l’efficienza energetica.

Accanto a questi temi, i paesi del G14 ribadiscono il loro impegno per combattere il protezionismo e astenersi da svalutazioni concorrenziali delle valute. Si punta, cioè, a un sistema monetario stabile e ben funzionante. La Cina ha chiesto una riforma graduale del sistema valutario internazionale, con l’obiettivo di arrivare a una maggiore diversificazione della moneta di riferimento. Ma Robert Gibbs, portavoce della Casa Bianca, ha ribadito che la principale valuta di riserva mondiale resterà il dollaro.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il