BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Italia.it online o quasi: ecco come sarà il portale dedicato al turismo.

Il sito Italia.it si appresta a fare il suo debutto online. Come funzionerà



Il sito Italia.it si appresta a fare il suo debutto online e l’attesa di vedere, finalmente, realizzato un progetto di cui da tempo si parla, cresce. Il nuovo portale dedicato alla scoperta della nostra penisola e che offrirà la possibilità di interagire con le infrastrutture ricettive per favorire la prenotazione dei pacchetti turistici, sarà inizialmente in beta e costerà 5 milioni di euro.

L'iniziativa della realizzazione del sito, inizialmente avuta nel 1994 ai tempi del primo governo Berlusconi poi ereditata dal governo Prodi, per  promuovere sulla rete le bellezze del paesaggio e della cultura dell'Italia era stata ben accolta ma soggetta a ritardi incalcolabili. Presentato da Francesco Rutelli, Italia.it venne lanciato con un logo che non suscitò alcun entusiasmo e dopo un solo anno di attività, chiuse, divenendo solo risultato di un enorme spreco di denaro pubblico. Ora Michela Vittoria Brambilla, neo ministro del Turismo, ci riprova: presenta il logo ‘Magic Italy’ e rilancia il turismo italiano.

Il sito è costituito di molti contenuti video e di un motore interno, facendo leva su percorsi turistici e su filmati illustrativi che faranno conoscere zona per zona tutta l’Italia, in modo da poter favorire la scelta di eventuali luoghi turistici in cui voler trascorrere vacanze o semplicemente qualche giorno di relax e avendo la possibilità di trovare, senza difficoltà, i servizi per le prenotazioni.

Una volta effettuata la scelta, sarà anche possibile effettuare dei tour virtuali che serviranno all'utente per ambientarsi e farlo diventare cliente del nostro paese. Inoltre, ogni impresa ricettiva italiana potrà avere un proprio spazio gratuito su Italia.it. Il premier, Silvio Berlusconi, alla presentazione del portale, in versione rinnovata, ha spiegato che “oggi è impensabile affrontare la promozione turistica senza un adeguato portale nazionale. I ritardi del passato sono un peso da digerire, il nuovo portale è in dirittura d'arrivo”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il