Ibm e Intel come tutto il reparto It resistono meglio alla crisi. I motivi

I settori It sopravvisuti bene alla crisi. La situazione di Ibm e Intel



La crisi c’è, c’è stata, si è fatta sentire e continua a far vedere i suoi strascichi, andando a colpire quasi tutti i comparti economici, ma ce n’è uno che resiste ed è quello dell’It. Ibm e Intel ne sono l’esempio. La società guidata da Paul Otellini nel secondo trimestre ha avuto utili per 8 miliardi di dollari, in crescita del 12% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

A far ben sperare gli investitori, nel caso di Intel sono anche le ottimistiche previsioni fornite dal management del gruppo. Le revenue del terzo trimestre dovrebbero essere, infatti, superiori agli 8,5 miliardi di dollari. Ibm, inve,ce guidato dal presidente e amministratore delegato, Samuel Palmisano, nel secondo trimestre ha registrato un calo delle vendite del 7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

L’utile lordo, intanto, è cresciuto dell’11,7%, merito della spinta che è stata data alle vendita di software unita a un risparmio di costi e un migliore impiego della forza lavoro. La società sarà in grado di migliorare la profittabilità grazie alle iniziative produttive che si concentreranno sui segmenti a maggiore valore aggiunto del comparto tecnologico.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il