BusinessOnline - Il portale per i decision maker




Le migliori università italiane secondo valutazione per stanziamento fondo. La classifica

Bene Trento, Torino e Milano, bocciati gli atenei di Macerata, Foggia e Palermo. La classifica


Promossi Trento e i politecnici di Torino e Milano, che conseguito risultati importanti su didattica, ricerca, capacità di autofinanziarsi, buone valutazioni degli studenti, processi formativi positivi (numero di docenti adeguato in rapporto al numero degli studenti), presenza di molti progetti assegnati dal Programma Nazionale di Ricerca; bocciati gli atenei di Macerata, Foggia e Palermo, ma anche le grandi università come La Sapienza di Roma, Roma 3 e Parma, molte, inoltre, le università del Centro-Sud promosse: Roma Tor Vergata, l'Università di Chieti e Pescara, l'Università della Calabria, l'Università Politecnica delle Marche, l'Ateneo della Tuscia, il Politecnico di Bari e l'Università del Sannio di Benevento: 27 università promosse e 27 bocciate.

Questa la classifica delle migliori università italiane. Agli atenei virtuosi già da quest'anno andrà un finanziamento più consistente, mentre quelli inefficienti dovranno accontentarsi di meno risorse. Per la prima volta, il ministro dell'Istruzione, università e ricerca, Mariastella Gelmini, ha firmato quattro importanti provvedimenti: quello sulla ripartizione del Fondo di funzionamento ordinario e del Fondo premiale, il taglio dei corsi inutili, i criteri di valutazione per concorsi da ricercatore e la direttiva per il varo dei concorsi 2008.

Il primo, che è sicuramente il provvedimento più voluto, destina il 7% del Fondo di finanziamento ordinario, cioè 525 milioni di euro, distribuito in base alla qualità della ricerca (due terzi del Fondo premiale) e della didattica (un terzo del Fondo) degli atenei. Prende, dunque, il via, dunque, con questo provvedimento il nuovo sistema di valutazione delle università italiane, grazie al quale saranno premiati gli atenei più virtuosi sulla base di criteri riconosciuti e valutati positivamente anche dalla Crui.




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il 27/07/2009 alle ore 13:26