BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tornano a salire i prezzi della benzina. I consumatori protestano

Prezzi di benzina e gasolio di nuovo alle stelle. La situazione



Dopo un periodo di relativa stabilizzazione dei prezzi dei carburanti, i costi della benzina sono tornati a salire. Un litro di verde è rincarato di 7 centesimi rispetto a metà luglio raggiungendo quota 1,34 euro, mentre il gasolio è tornato sopra 1,16 euro. Effetto dell'aumento delle quotazioni del petrolio sui mercati internazionali.

Entrando più nel dettaglio, si nota che Agip ha portato la benzina a 1,34 euro (+3 centesimi) e il gasolio a 1,162 euro (+2,5 centesimi) e rincari, anche se più contenuti, per Api/Ip, Erg, Q8 (solo per la verde), Shell, Tamoil e Total. L'Unione petrolifera (Up) difende gli aumenti dei prezzi della benzina, spiegando che “sono dettati dai mercati internazionali”. E sottolinea che “queste e non altre sono le motivazioni alla base dei recenti aumenti dei prezzi dei carburanti, invece ignorate dalle associazioni dei consumatori che continuano a disinformare”.

L'Up rileva che'il valore del Brent è tornato per la 1/a volta da ottobre 2008 a superare i 73 dlr al barile rispetto ai 66 dlr di fine luglio (oltre +11%). Nel frattempo, i consumatori chiamati in causa dall'Unione petrolifera protestano contro questi nuovi rincari.

Il Codacons chiede al governo di convocare l'Eni, per Adusbef e Federconsumatori i nuovi aumenti del prezzo dei carburanti sono la dimostrazione lampante della doppia velocità di adeguamento dei prezzi dei carburanti. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il