BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Affitti 2009: tariffe e prezzi medi non calano nelle città

Continuano ad essere alti i prezzi delle case. I dati



Gli effetti della crisi finanziaria che ha investito il mondo intero avevano fatto parlare qualche tempo fa dell’arrivo di un netto ribasso dei prezzi di case, sia d’affitto che d’acquisto, e, invece, così non sembra accadere.

Gli inquilini che hanno stipulato un contratto di locazione nel settembre degli anni passati dovrebbero ricevere dal locatore la classica raccomandata che contiene l'importo dell'aumento dell'affitto dovuto per l'incremento dei prezzi. Solo che l'inflazione registra segno negativo. Quindi per un affitto campione di mille euro mensili, se l'indicizzazione è pari al 75% del dato Istat la riduzione teorica è pari allo 0,075 per cento e cioè 0,75 centesimi.

Mentre all'inquilino che ha visto includere nel contratto l'indicizzazione al 100% spetterebbe una riduzione di un euro al mese. Ma ciò che permane è il problema dell'onerosità decisamente elevata di molte locazioni. Secondo Scenari immobiliari, nell'ultimo decennio gli affitti nelle grandi città sono aumentati mediamente del 60-70%. Tutto questo ha contribuito all’esplosione del fenomeno della morosità da parte degli inquilini sempre più in difficoltà nel pagamento. Basta dare un'occhiata ai dati del Viminale.

Nel 2004, le sentenze di sfratto per morosità furono 32.578. A fine 2008 sono balzate a quota 40.681 (+19,8%). Aumenta anche la loro incidenza sul totale degli sfratti emessi che è passata dal 77,4% del 2007 al 79,1% del 2008. Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari, ha spiegato: “Domanda e offerta non si incontrano: i canoni sono ancora alti e i proprietari chiedono sempre più garanzie. L’inquilino perfetto è single, vuole un contratto breve ed è assunto.

Non sono graditi immigrati e studenti, ma anche la famiglia non è ben vista perché tende a occupare la casa per molti anni. Molti appartamenti, infatti, sono in affitto solo provvisoriamente: sono investimenti immobiliari fatti in attesa che i figli crescano, o case che i proprietari vorrebbero vendere appena il mercato riparte”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il