Mutui al 4%: rimborsi a settembre?

Potrebbe essere settembre il mese buono per i rimborsi. Cosa dicono gli esperti



C’è chi non ha capito, chi non è stato in grado di spiegarlo e chi non ha ancora ricevuto nulla. Si tratta dei contributi previsti dal Dl anticrisi in applicazione a favore di chi ha un mutuo a tasso variabile, il cosiddetto ‘tetto al 4%. Questi, infatti, non sono ancora stati ancora erogati dalle banche italiane.

Dall'interpretazione delle norme varate dal ministero delle Finanze al lungo iter della trasmissione degli elenchi dei beneficiari da parte dell'Agenzia delle Entrate: sono stati questi i fattori che hanno ritardato l'applicazione del provvedimento. A queste difficoltà si è aggiunta anche l’oscillazione dell’ Euribor, che funziona da parametro di riferimento per il calcolo delle rate variabili, e che è crollato da oltre il 5% a meno dell'1% (0,49% la scadenza a un mese giovedì scorso e 0,83% il tasso a 3 mesi).

Secondo gli esperti, però, potrebbe essere settembre il mese buono. Inoltre, in diversi casi, come Bnl, Montepaschi, Ugf sono state già inviate a casa dei mutuatari lettere informative che invitano a recarsi in banca e presentare l'autocertificazione. A questo proposito, è utile ricordare che il modulo predisposto dall'Abi non è necessario per chi è già incluso nelle liste dell'Agenzia delle Entrate e in ogni caso non deve essere vincolante per il versamento del contributo.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il