BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Diventare insegnanti e riforma Gelmini: laurea quinquennale e tirocinio. Le novità e i cambiamenti

Niente più Siss e specializzazioni ma lauree e tirocinio. Le novità per diventare insegnanti



Il sogno nel cassetto di qualcuno è diventare insegnante? Bene, meglio mettersi al lavoro da subito allora. Le novità proposte dal ministro dell’Istruzione Gelmini sono piuttosto impegnative: Siss e specializzazioni saranno sostituiti da numero chiuso e tirocini e le novità entreranno in vigore tra pochi mesi. Entrando più nel dettaglio, per accedere a ogni tipo di scuola, anche a quella dell'infanzia, bisognerà conseguire una laurea quinquennale e un'esperienza di tirocinio.

Saranno previsti laboratori per la lingua inglese e le nuove tecnologie e, inoltre, l'accesso ai corsi universitari sarà a numero chiuso, deciso cioè in base all'effettivo fabbisogno di nuovi docenti. Questo dovrebbe consentire ai laureati, quando il nuovo sistema sarà a regime, l'accesso immediato in ruolo.

Il ministro Gelmini ha sottolineato che “Centrale nel nuovo sistema sarà l'attività di tirocinio, progettato insieme tra scuola e Università, per conciliare «il sapere con il saper fare, la teoria con la pratica. Per chi si prepara a entrare nella scuola dell'infanzia e primaria il tirocinio avverrà, a partire dal secondo anno di studi, durante il percorso di laurea. Per la secondaria di primo e secondo grado vi sarà invece un anno di tirocinio che si aggiungerà ai tre della laurea generalista e ai due di quella specialistica”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il