BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Video Intervista a Noemi su Berlusconi su Sky. Intanto il Premier va in tv a Tunisi.

Noemi racconta tutta la sua storia sui rapporti col premier



“Ciao a tutti, sono Noemi Letizia, ho 18 anni e sono una ragazza italiana...”. Inizia così la videointervista che la giovane napoletana, protagonista delle pagine di cronaca per un legame ancora ambiguo con il premier Silvio Berlusconi, ha rilasciato a Sky.

Lei, biondina, faccia ormai da giornale, ‘all’improvviso famosa’, racconta la sua storia, dall’indomani della pubblicazione dell’ormai celebre foto che la ritrae con Berlusconi proprio nella sera della sua festa di compleanno. Noemi Letizia parla con la giornalista Daphne Barak del Daily Mail e rompe il silenzio sul suo rapporto con il presidente del Consiglio.

“C'é un grande scandalo ma la realtà è diversa. Io voglio correggere questa disinformazione. Come può una festa di 18 anni rovinare un matrimonio? E, se così fosse, che matrimonio sarebbe? Io non ho niente a che fare con questo. Quello che dice Veronica non mi tocca. Sono problemi della sua famiglia. Non posso esserne accusata io. Conosco Silvio da quando mi ricordo. Quando mio padre lo vedeva, mi portava con sé. E' successo molte volte. Ma per me era una cosa normale”.

E racconta l'origine del nomignolo 'Papi': “E' da piccola che gli ho dato questo soprannome. Io sono molto dolce, mi piace dare soprannomi alle persone a cui voglio bene e l'ho dato anche a lui. Insomma, é un nomignolo affettuoso'. Noemi continua il racconto parlando dell'invito di Berlusconi alla sua festa: “Mio padre l'ha chiamato perché sono amici. E' solo un rapporto tra due padri, tra due famiglie. Io sono stata coinvolta solo per questo. I giornalisti hanno inventato storie sui rapporti tra il premier e mio padre e l'hanno fatto diventare insano. Per questo siamo tutti arrabbiati”.

Nel frattempo, il premier continua a far parlare di sé fra polemiche e politica. Lo scorso 18 agosto, infatti, Berlusconi è stato protagonista di una performance in una tv tunisina, Ness Nessma, acquisita lo scorso anno per il 50% proprio da Mediaset. Durante l’intervista al premier si parlava proprio di immigrazione e allora come mantenere la posizione forte e rigida del presidente del Consiglio italiano di fronte alla popolazione africana? Ed ecco allora la nuova trovata: Berlusconi dice che le porte di Italia sono aperte ai cittadini del Maghreb e dice: “Il nostro Paese ha il dovere di guardare a quanti vogliono venire in Italia con totale apertura di cuore”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il