BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Redditi liberi professionisti: stipendi dichiarati da notai, commercialisti, avvocati e periti

Diminuiscono gli stipendi di notai e psicologi. Meglio per avvocati e commercialisti. I redditi delle diverse categorie



Palma d'oro dei redditi medi dichiarati nel 2008 (conseguiti, dunque, nel 2007) ai notai, che hanno visto diminuire i loro redditi, con 100mila euro l'anno di repertorio.

Seguono i commercialisti, con un reddito medio di 63mila euro, gli avvocati (rispettivamente 51mila e 75mila euro) e i ragionieri con oltre 57mila euro di reddito Irpef e 100mila euro ai fini Iva.

I redditi medi 2007, dichiarati nel 2008, da avvocati e commercialisti sono migliorati in misura sensibile, rispettivamente +4,64 e +3,52 per cento. Diminuiscono, andando ad affiancare quelli dei notai, anche gli stipendi degli psicologi e il motivo è la rapida crescita che ha registrato quest’anno questa categoria, per cui molti, pur di lavorare, accettano incarichi e lavori sottopagati. Su 27mila dichiarazioni 2008 già analizzate dalla cassa (in totale gli iscritti sono 34mila e crescono del 10% l'anno) 10mila sono sotto i 7.800 euro l'anno. Cinquemila psicologi, per la cassa, guadagnano meno di 1.500 euro.

Anche le categorie che dichiarano, in media, redditi molto contenuti hanno registrato un certo miglioramento: dai veterinari, che hanno guadagnato il 7,58%, ai geometri, il 4,66% (nel 2006 avevano messo a segno un aumento dell'11,54%).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il