Un anno dopo la crisi che iniziò con il fallimento di Lehman Brothers: cosa è cambiato?

Economia, mercato e Borse: un anno dopo il crollo Lehman Brothers



Un anno fa il fallimento Lehman Brothers: la caduta libera di uno dei colossi finanziari americani che teneva in piedi economie di mezzo mondo, che ha fatto crollare la fiducia nel mercato globale e che è stato risultato di fattori congiunti.

A partire dalla legislazione statunitense, in particolare dal 1997, che permetteva accessi senza controlli di consistenza al credito, in particolare ai mutui, dalla mancata regolazione del sistema finanziario da parte della politica, che con la legge bancaria del 1999 permetteva di spostare il risparmio verso speculazioni condotte con mezzi poco trasparenti, all'improvviso rialzo del costo del denaro per contenere l'inflazione, dopo un periodo di tassi minimi, che rese insostenibili per molti americani le rate a tasso variabile dei mutui.

Le insolvenze contaminarono i prodotti finanziari basati sui mutui stessi e questo fece crollare la fiducia nel resto del mondo finanziario globale, congelando la liquidità, le Banche centrali iniziarono a compensarne la mancanza con azioni d'emergenza, il credito restava bloccato, le banche restie a ricostruire i patrimoni e ripulire i bilanci e la Lehman Brothers fu lasciata fallire. Dall’America all’Europa: anche nel nostro continente le banche iniziarono ad avere crisi di liquidità e le politiche non hanno saputo ben organizzare le operazioni da attuare. Ed è stato cataclisma.

Ma da marzo scorso il mondo sembra essere in ripresa, nonostante sia troppo presto per tirare le somme. Le iniziative che, però, vengono portate avanti sono importanti e mostrano la grande volontà di tornare alla ‘vita di sempre’. Basti pensare alla riforma di Basilea II, alla direttiva sulle agenzie di rating e alle riforme sul fronte della vigilanza bancaria. Sta, infatti, nascendo la riforma che attribuirà alla Bce, oltre alla politica monetaria, anche il ruolo della supervisione nella vigilanza, così che l'Eurotower avrà il compito di controllare e valutare il rischio sistemico.

E poi ci sono le nuove misure di limitazione del leverage, per la maggiore trasparenza e le nuove norme di vigilanza, fortemente sostenute dallo steso presidente Obama. E’ stato un anno terribile, migliaia di persone hanno perso il lavoro, migliaia di attività sono state chiuse ma oggi l’inversione di tendenza sembra essere di nuovo possibile.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il