BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Buoni sconto per asili nido e baby sitter: in arrivo i voucher del Governo

Finanziamenti per asili nido e baby sitter. Le novità del governo



Nuovi finanziamenti per asili nido e baby sitter. A beneficiarne saranno le famiglie a basso reddito. E’ questa l’ultimo intervento del governo a sostegno dei meno abbienti annunciato dal ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna.

L’iniziativa prevede uno stanziamento di 40 milioni di euro destinati a finanziare voucher per asili nido e babysitter per le famiglie a basso reddito e, inoltre, corsi professionali per le donne, costituzione di albi di badanti e babysitter che dovranno possedere un’adeguata professionalità, considerando la funzione delicata che andranno a svolgere, cruciale nella crescita di un bimbo.

L’ultima novità, poi, si chiamerà tagesmutter, cioè le mamme di giorno, una sorta di baby sitter condominiali, che daranno vita all'idea degli asili nido condominiali. Si tratta di un servizio già molto diffuso nel resto d’Europa, poco o quasi per nulla in Italia, che garantisce lavoro a chi decide di occuparsi di bimbi e tranquillità 24 ore su 24 per tutti i giorni dell’anno ai genitori occupati che non sanno dove e a chi lasciare i propri figli durante le ore di impegni.

Questa nuova soluzione permetterà a parecchi genitori di risolvere il problema dei troppi pochi posti disponibili negli asili tanto non poter lasciare i figli. In Italia, infatti, nove bambini su dieci non riescono ad ottenere un posto negli asili nido. E’ il dato emerso dal centro studi Ires-Cgil sullo stato del welfare nel nostro paese.

La maggior parte dei genitori e delle mamme, soprattutto single, che lavorano si trovano ancora costretti a lasciare i propri piccoli da nonni, parenti e baby sitter. Nonostante la bassa natalità, l’offerta di strutture atte ad aiutare le famiglie italiane nell’educazione dei figli è quantomai ferma dal 2005. Cosa che non accade nelle altre città europee, dove la situazione sembra praticamente inversa, tanto che gli asili coprono il 90% della domanda delle famiglie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il