BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus banchieri e finanza: limiti decisi al G20. E nuove regole mondiali?

Accordo su limiti di bonus di manager e banchieri e gli altri temi del G20



Trovato accordo sui due temi chiave: i bonus ai manager del settore finanziario e la necessità di mantenere i piani di rilancio congiunturale fino a che la ripresa non si consolida. Inoltre, i 20 capi di Stato e di governo dei principali Paesi industrializzati e in via di sviluppo hanno anche stabilito che non saranno revocate le misure adottate nei mesi scorsi per favorire il rilancio economico.

Questi i primi risultati raggiunti al G20 di Pittsburgh fra i grandi della Terra. Per quanto riguarda le limitazioni ai bonus di manager e banchieri, la bozza stabilita nella notte prevede che i bonus dei manager bancari dovranno essere in futuro direttamente collegati ai risultati a lungo termine da essi conseguiti nello svolgere le proprie attività e non alla loro condotta sul breve periodo, soprattutto qualora comporti rischi per i rispettivi istituti e i relativi clienti, limitando, dunque, lapercentuale dei profitti totali netti, quando non si sia in armonia con il mantenimento di una solida base di capitale.

In questo modo, dovrebbe diventare impossibile portare il proprio istituto di credito in bancarotta e scappare con liquidazioni miliardarie. Gli altri punti chiave della riunione dei Grandi riguarderanno il nuovo coordinamento per lo sviluppo, le nuove regole per il sistema finanziario, un aumento della rappresentatività dei paesi emergenti nel contesto del Fondo Monetario Internazionale Banca Mondiale.

E ancora, l’intesa su un nuovo documento, l'accordo quadro per la stabilizzazione e la crescita, secondo cui ciascun paese potrà modificare alcune delle sue componenti macroeconomiche interne ed esterne che hanno fatto nascere squilibri macroeconomici internazionali.

Obiettivo è avere le riforme alla fine del 2010, saranno gli stessi europei a dovere fare gli aggiustamenti e stabilire nuove regole che possano, però, essere misurabili e valide per tutti. Infine, ma non per importanza, in discussione la questione del clima.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il