BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Internet in Italia 2009: pochi utenti, sanità, industria e P.A assenti. Allarme Confindustria

Ancora troppi italiani non si servono Internet. I dati di Confindustria



La metà degli italiani non usufruisce dei servizi ondine: P.A., sanità e industria sono i settori che meno si interessano all’evoluzione del mondo digitale e questo porta ad un netto rallentamento della produttività del Paese. Sono questi i dati emersi dal rapporto dell'Osservatorio Italia Digitale 2.0 presentato a Milano da Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, secondo cui sarebbe necessario coinvolgere domanda e offerta per superare il ritardo digitale di tutte le componenti della società civile.

La ricerca condotta ha studiato il passaggio da una digitalizzazione di primo livello al fenomeno della collaborazione e partecipazione in rete, per capire quanti facessero effettivamente parte di una cittadinanza attiva in rete. Ma i risultati sono stati allarmanti. Mentre le famiglie italiane con connessione a internet in banda larga hanno superato nel corso del 2009 la soglia dei 10 milioni, il dato più significativo riguarda il rapporto tra aziende e nuove tecnologie.

Si stima, infatti, che circa un terzo delle imprese italiane continua a non essere presente in rete e questa percentuale aumenta se si considerano le microimprese, cioè quelle il cui organico è inferiore a 10 persone e il cui fatturato non supera 2 milioni di euro l'anno. Il 43% di quest'ultime non usa internet.

Non va meglio per quanto riguarda l’uso di Internet nel mondo della sanità, dove, invece, un ulteriore informatizzazione digitale significherebbe beneficio e risparmio per i pazienti, e nei comuni, dove l’attività online è ancora molto bassa e spesso limitata ai soli contenuti informativi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il