BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Non pagare il Canone Rai: campagna de "Il Giornale". Un italiano su 3 non lo paga. In bolletta?

Il Giornale lancia una campagna di boicottamento del canone Rai. L'esecutivo prende le distanze



Sarebbero circa sei milioni le famiglie che non pagano il canone Rai, cioè circa il 30%, sottraendo alle casse di Viale Mazzini oltre 500 milioni di euro l'anno. Secondo i dati, gli evasori si concentrerebbero soprattutto al Sud d'Italia. Questi dati sono contenuti in uno studio preparato dal consigliere Rai, Angelo Maria Petroni, dal titolo ‘Canone Rai, ipotesi di riforma dell'imposta’, in cui ipotizza l'inserimento del canone di 107,50 euro l'anno nella bolletta dell'energia elettrica.

“Vedendo l'esperienza di alcuni Paesi europei, alcuni anni fa, il CdA della Rai ha proposto pubblicamente una maniera di riscuotere questa imposta che permetta di recuperare l'evasione, diluendo la tassa nel tempo e abbassandola per le fasce sociali deboli. Il metodo è quello di farlo pagare sulla bolletta elettrica". Così il consigliere d'amministrazione della Rai Petroni.

Nel frattempo, è partita una sorta di campagna offensiva da parte del quotidiano Il Giornale che on line, che è arrivato a mettere a disposizione un modulo per disdettare il canone da pagare alla televisione di Stato. L’esecutivo prende le distanze: “Il governo si schiera ufficialmente contro la campagna di Libero e de Il Giornale, appoggiata dalla Lega nord, per boicottare il canone Rai”.

Paolo Romani, viceministro delle Comunicazioni, la ritiene una campagna sbagliata. Fare una campagna contro il canone mi sembra francamente improprio anche perché, lo dico da uomo di governo, mi sembra difficile far mancare due terzi delle risorse al pubblico servizio”.

Ne prendono le distanze anche il ministro degli Esteri, Franco Frattini: “Non sono d'accordo con coloro che fanno la campagna contro il canone della Rai, perché il servizio pubblico deve fare il servizio pubblico”, e l'ex ministro delle Comunicazioni e componente del commissione parlamentare di vigilanza, Mario Landolfi: “Non sono d'accordo. La Rai per il canone che incassa ha un limite nella propria raccolta pubblicitaria. Se si togliesse il canone dovrebbe avere eliminato questo tetto, con conseguenze distorsive per il sistema”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il