BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Finanziamenti per nuove imprese: come fare richiesta fino a 21 gennaio 2010. Anche a fondo perduto

Nuovi contributi pronti per ricerca e innovazione delle imprese. Come ottenerli



Il Ministero dello Sviluppo Economico ha messo in campo nuovi contributi per l'innovazione delle imprese startup, che avranno tempo di richiedere il finanziamento per via telematica fino al 21 gennaio 2010. Questi finanziamenti saranno utilizzati per avviare programmi di sviluppo sperimentale finalizzati alla realizzazione di innovazioni di prodotto o di processo di alta e medio alta tecnologia o volti alla ricerca industriale.

Le domande dovranno essere presentate per via telematica attraverso lo specifico software predisposto dal Ministero. Il finanziamento prevede la copertura del 50% dei costi ammissibili, non inferiori ai 500.000 euro e non superiori a 2 milioni di euro.

Il 40% dei costi ammissibili verrà erogato a fondo perduto in caso di piccole imprese e organi di ricerca, mentre per le medie imprese il contributo diretto alla spesa sarà del 30% e del 20% nel caso si tratti di grandi imprese. Una volta inoltrata la domanda si attenderà la pubblicazione della graduatoria e, a partire da quella data, le imprese avranno a disposizione un tempo di 6 mesi per avviare i progetti.

Questi dovranno avere una durata compresa tra i 18 e i 36 mesi. Potranno accedere a questi finanziamenti le imprese che esercitano attività industriale volta alla produzione di beni o di servizi, cioè dedite ad attività di trasporto per terra, per acqua o per aria; e  imprese agro-industriali come le imprese artigiane di produzione di beni, centri di ricerca con personalità giuridica autonoma, consorzi e società consortili.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il