BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Vivere più a lungo e contenti: 2000 euro al mese. Sedici milioni pronti a cambiare vita

Si chiama Downshifting la nuova tendenza ‘al vivere meglio’. In cosa consiste



Downshifting, si chiama così la nuova tendenza ‘al vivere meglio’.  Il termine indica una pratica traducibile come scalare marcia, rallentare. Ma per definizione di Wikipedia indicherebbe una ‘scelta da parte di diverse figure di lavoratori di giungere a una libera, volontaria e consapevole riduzione del salario, bilanciata da un minore impegno in termini di ore dedicate alle attività professionali, in maniera tale da godere di maggiore tempo libero’.

Ed è proprio il maggiore tempo libero da dedicare a se stessi e alla propria vita il motivo scatenante per cui molte persone oggi provano il desiderio di ‘scalare marcia’. E’ lo stress della vita lavorativa quotidiana, sono le lunghe code di traffico in cui siamo costretti ogni giorno ad ogni ora, sono i telefonini che squillano all’impazzata per rispondere a mille richieste e risolvere mille problemi. Sono le lancette dell’orologio che inevitabilmente segnano il veloce trascorrere del tempo, troppo poco sempre per le tante cose che ognuno si trova a dover affrontare ogni giorno.

La pratica dello ‘scalare marcia’, in questo momento di particolare crisi, sta cominciando ad essere registrata dai radar di sociologi e studiosi dei comportamenti di massa. Datamonitor, agenzia londinese che si occupa di ricerche di mercato, stima che in tutto il mondo i lavoratori potenzialmente inclini a fare downshifting sarebbero 16 milioni. Ogni anno, circa 260 mila cittadini britannici fanno una scelta di vita che va in quella direzione.

Nel 2008, il ministero dei Servizi sociali australiani ha stimato che sono almeno un milione le persone, tutte comprese nella fascia di età tra i 25 e i 45 anni, che hanno deciso di scalare una marcia e la stragrande maggioranza (circa il 79%) lo ha fatto non solo cambiando lavoro e quindi regime di vita, ma anche scegliendo di abbandonare la città a favore di località costiere e di campagna. Dallo stress cittadino alla quiete della natura in perfetto stile ‘otium’ latino.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il