BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Richiedere mutuo:quale copertura massima rispetto prezzo casa? UE propone il 40% per legge

L’Europa abbassa il tetto del valore dei mutui concessi dalle banche: si attesterà sul 40%



L’Europa abbassa il tetto del valore dei mutui concessi dalle banche: si attesterà sul 40% del prezzo dell'immobile. E’ questa la novità prevista da una proposta di direttiva della Commissione europea e che si pone l'obiettivo di ridurre i rischi di credito e rafforzare i requisiti patrimoniali delle banche.

Se ora la legge bancaria vigente in Italia prevede una soglia pari all'80%, ciò significa, per esempio che su un immobile del valore accertato di 200mila euro, banche e intermediari finanziari possono erogare fino a 160mila euro, con il tetto del 40% sullo stesso immobile del valore di 200mila euro le banche potranno erogare fino a 80mila euro.

Questa nuova disposizione andrebbe a pesare soprattutto sulle fasce dei meno abbienti e degli stranieri residenti in Italia che, con un reddito basso, comprano essenzialmente bilocali. In Italia oggi la copertura del mutuo sul valore dell'immobile, a livello regionale, vede le Marche al primo posto in Italia con il rapporto fra finanziamento e costo dell'immobile pari al 71%.

Al secondo posto si trova la Sardegna, la Lombardia e il Piemonte con il 70%, ultima la Campania con il 63% (media nazionale 67%). Ciò significa che la decisione europea penalizzerebbe pertanto le regioni con il più alto rapporto di indebitamento.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il