BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Assenteismo nella pubblica amministrazione sta tornando: Brunetta ammette sbaglio

Torna a crescere l'assentesimo. Brunetta ammette l'errore e continua la sua battaglia



Le prime sanzioni Brunetta in ambito lavoro hanno colpito e, qualche mese fa, hanno sortito i loro primi effetti. Ora sono state approvate nuove misure per la riforma da lui proposta, che prevedono ulteriori sanzioni punitive nei confronti dei fannulloni e premi per i più virtuosi.

Nonostante, però, i risultati inizialmente raggiunti, torna a farsi sentire l’allarme assenteismo. I dati, infatti, parlano di un assenteismo dei dipendenti statali tra agosto e settembre tornato decisamente a crescere. Brunetta ammette: “Avevo tentato di dare fiducia, riducendo da 11 a 4 le ore della reperibilità giornaliera per i controlli medici.

Ora riscontriamo il 20-22% di assenze in più. Ho sbagliato e mi dovrò correggere”. La campagna anti-fannulloni non è, dunque, finita. Deve, anzi, essere continuata in modo serrato attraverso controlli sistematici perché, in caso contrario, il sistema tornerebbe in ‘caduta libera’ come nei mesi scorsi. Non è, quindi, un caso se nel periodo appena trascorso è tornato a crescere l'indice degli assenteisti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il