BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Da Xp e Vista a Windows 7 in azienda: trasferimento e aggiornamento risultano semplici

Pronto al debutto Windows 7: come passare da XP e Vista al nuovo sistema operativo



Sta per arrivare il nuovo sistema operativo Windows 7, destinato a raggiungere elevati volumi di vendite. Con il debutto di Windows Vista buona parte dei sistemi, in ambito professionale e d'azienda, non era stata aggiornata perché i requisiti minimi di sistema richiesti dal sistema operativo erano troppo elevati per molti di questi PC e solo il 6% dei sistemi presenti nelle aziende era in grado di gestire il sistema operativo nella sua configurazione ottimale.

Per l’avvento di Windows 7, invece, si stima che il 65% dei PC presenti nelle aziende sarà in grado di utilizzare il nuovo sistema operativo con le impostazioni ottimali e risulta anche che, rispetto a Vista, il passaggio da XP o Vista stesso a Windows 7 sarà decisamente più semplice. Un dato non da poco se si considera la mole di lavoro gestita dai computer in azienda e la necessità che essi siano efficienti e funzionali al massimo delle loro prestazioni.

Nonostante, infatti, il supporto a XP per i computer d’azienda sia garantito fino al 2014, le aziende potrebbero incontrare problemi già dal 2012 e dovranno, per questo, cambiare sistema operativo. In questo ambito, Windows 7 è considerato release chiave nel percorso di sviluppo Microsoft, per cui si potrebbe procedere al passaggio senza attendere l'uscita del primo Service Pack per iniziare i test.

Altro punto da considerare sono i costi di migrazione, che potrebbero variare da 1.035 dollari a 1.930 per singolo utente nel caso di passaggio da Windows XP, o da 339 a 510 dollari se il sistema operativo che si intende abbandonare è Vista.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il