BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fatturato e ordinativi industria italiana agosto 2009: peggior dato di sempre

Male l'industria italiana ad agosto. I dati



Hanno registrato un calo dell'8,6% rispetto a luglio e del 27,5% rispetto allo stesso mese del 2008 gli ordinativi dell'industria italiana. I dati sono stati forniti dall'Istat che ha anche precisato che il calo su base mensile è il più ampio da gennaio 2000.

Male anche il fatturato dell'industria italiana, sempre ad agosto:  è calato dell'1,4% rispetto al mese precedente e del 21,2% su base annua. In questo caso, il calo su base mensile dipende da una diminuzione dell'1,1% del fatturato sul mercato interno e del -2% su quello estero.

L’andamento del settore industriale in Italia non è altro che specchio di una condizione economica ancora critica, nonostante i dati facciano parlare di speranza in una ripresa, seppur lenta. Gli indici destagionalizzati del fatturato per raggruppamenti principali di industrie hanno segnato una variazione congiunturale positiva per l'energia (+4,4%) e variazioni negative per i beni intermedi (-2,6%), per i beni di consumo (-2,3%, con -6,6% per quelli durevoli e -1,6% per quelli non durevoli) e per i beni strumentali (-0,3%).

Mentre, il fatturato corretto per gli effetti di calendario in agosto è calato in termini tendenziali del 29,9% per l'energia, del 26,2% per i beni intermedi, del 23,6% per i beni strumentali e del 10% per i beni di consumo (-24,4% per quelli durevoli e -8,4% per quelli non durevoli). Forte discesa del fatturato ad agosto anche nel settore degli autoveicoli, che ha registrato un calo del 7,3% tendenziale. In diminuzione anche gli ordinativi, che registrano una flessione su base annua del 19,5%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il