BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prezzi benzina ad ottobre in forte crescita: 3 euro in più per il pieno in 20 giorni. Motivi?

Tornano a salire i prezzi di benzina e gasolio. I costi al rialzo



Torna a farsi sentire il caro carburanti. Negli ultimi venti giorni si è registrato un rincaro di 3,3 euro per un pieno di benzina. Solo 20 giorni fa, infatti, la benzina costava 1,248 euro al litro e il gasolio 1,095 mentre oggi la benzina verde in molti distributori supera quota 1,3 euro al litro e il gasolio raggiunge la soglia di 1,158 euro al litro.

Ad diffondere i nuovi prezzi è stato il Codacons, l'associazione dei consumatori, che ha definito quello dei carburanti un mercato ‘isterico’. Secondo il Codacons, il rialzo dei prezzi del carburante è solo in parte giustificabile con i rincari nelle quotazioni internazionali del petrolio.

Tutte le materie prime, comunque, sono in preda a una nuova ondata di speculazione legata alla tendenziale debolezza del dollaro: più la moneta americana subisce crolli di valore (ed è ormai attorno a quota 1,50 per euro), più i capitali internazionali puntano sulle commodities.

Buona parte del rinacro del petrolio è, infatti, solo riflesso della caduta del dollaro. Poiché sui mercati mondiali il greggio viene scambiato in dollari, la svalutazione della moneta americana tende a tradursi in un rafforzamento delle quotazioni del greggio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il