Finanziamenti regionali 2009 per aziende: Lombardia, Lazio, Toscana

Nuovi finanziamenti a sostegno delle Pmi in crisi. I piani regionali



Casella Pec per gli enti locali e 20 milioni di euro per il fondo Jeremie: queste le due iniziative che il presidente della Regione Lombrdia, Roberto Formigoni, ha annunciato a sostegno delle Pmi in difficoltà, all’indomani della forte crisi finanziaria che le ha travolte.

Le Pmi del territorio riceveranno 500 milioni di euro dall'iniziativa Made in Lombardy, 37 milioni di euro dal fondo Next, il primo venture capital italiano pubblico-privato, 35 milioni di euro dal fondo di rotazione per l'imprenditorialità Frim e 10 milioni di euro dal fondo Seed per il sostegno alle start up. L’iniziativa di ulteriori finanziamenti stanziati dalla Regione nasce dalla necessità di promuovere le nuove tecnologie e l'innovazione nelle piccole e medie industrie, nelle imprese artigiane e nella ricerca universitaria.

Lo stesso obiettivo che si propone anche la Regione Lazio. La Commissione Bilancio della Regione Lazio ha approvato il piano triennale 2009-2011 di Sviluppo Lazio Spa, con cui viene concessa l'erogazione di 16 milioni per il 2009 e il piano per il prossimo triennio da 38,5 milioni di euro.

La Regione Toscana mette in campo, invece, un rifinanziamento da 11 milioni di euro del fondo di garanzia per le Pmi per fornire liquidità alle attività in crisi e sostenere interventi a garanzia delle imprese femminili. Alle imprese femminili, infatti, saranno destinati 780 mila euro in due anni (2009 e 2010).

Le Pmi toscane in crisi riceveranno, invece, 275 milioni di euro nei prossimi 6-9 mesi, ai quali si andranno ad unire gli oltre 362 milioni di euro già accolti. Per il rilancio di imprese in difficoltà, infine, verranno attivati presso SICI (Sviluppo Imprese Centro Italia), un fondo Fidi Toscana/Banche/Fondazioni bancarie da 65-70 milioni di euro.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il