BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Vaccino influenza A conviene farlo? Consigli

Fare o meno il vaccino contro l'influenza A? Alcuni medici sono scettici



Prenderanno il via i primi di novembre le vaccinazioni contro l’influenza A/H1N1, meglio conosciuta come influenza suina. Il ministero della salute ha predisposto per i dipendenti dello Stato un piano che prevede diverse fasce a seconda delle categorie più esposte al contagio.

Lo scopo, date le modalità di trasmissione è quello di evitare di trovarsi uffici e unità operative vuote proprio nel momento in cui ce ne sarebbe più bisogno, bloccando i servizi essenziali. Primi destinatari del vaccino saranno gli operatori della sanità, poi le forze dell’ordine, e a seguire il personale degli enti locali diviso in sottocategorie. Ma non c’è obbligo di vaccino. 

“C’è tuttavia nel mondo un gran confusione attorno alla questione dei vaccini” e a dirlo è il responsabile del progetto sull'influenza globale dell'Oms, Hande Harmanci durante un incontro dell'Organizzazione mondiale della sanità, all'ospedale Spallanzani di Roma dedicato ai grandi eventi. Harmanci ha spiegato che “il vaccino pandemico non è nuovo. Nuovo è solo il sottotipo dell'H1N1”. Nel frattempo continua a diffondersi il timore pandemia.

Dopo l’altra vittima di Napoli, anche il mondo del pallone comincia a tremare. Dopo i casi nel Blackburn, anche il Bolton in Premier League ha reso noto che cinque suoi giocatori e un membro dello staff sono stati contagiati dal virus H1N1, anche se quattro calciatori si sarebbero già ripresi. L'annuncio è stato dato dall'allenatore del club, Gary Megson, alla vigilia della sfida di Carling Cup contro il Chelsea di Carlo Ancelotti, ma per ora i Blues minimizzano l'allarme per un possibile contagio.

Dunque, il vaccino contro il virus dell’influenza a è da fare o meno? La domanda perseguita migliaia di persone ma le risposte dei medici non aiutano: c’è chi sostiene che sia meglio farlo e chi, invece, ritiene che questo virus sia paragonabile alle solite influenze stagionali. Lo scetticismo di alcuni dottori nasce dal carattere sperimentale del vaccino e i possibili rischi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il